Entertainment News

“Musica Vera”: Eleonora Catalani si racconta… tra realtà, social e prospettive future

Per la nostra rubrica dedicata agli artisti emergenti, abbiamo incontrato Eleonora Catalani, cantautrice pop-dance, in uscita con “Musica Vera”, il suo nuovo singolo dedicato all’Amore ed al rapporto tra realtà e Social. Un tema quanto mai attuale ed affrontato dall’artista con sensibilità e verve.

Una bella chiacchierata per comprendere, attraverso lo sguardo di Eleonora, il panorama musicale attuale, e compenetrare i difficili rapporti sentimentali che vivono i giovani ed i meno giovani nel mondo attuale “governato” da app e Network.

– Ciao Eleonora, parlaci un po’ di te. Chi è Eleonora Catalani? E come nasce l’Artista?

Ciao! Eleonora Catalani è una sognatrice, una persona testarda ma anche molto fragile. Ama la famiglia, adora essere circondata da persone semplici ed umili e le piacciono i rapporti veri che esistono per il solo piacere di stare insieme, senza necessariamente pretendere nulla in cambio. Chi mi conosce e mi frequenta da tempo sostiene che io abbia un sorriso contagioso ed una genuina umiltà ed io nei momenti di bassa autostima mi aggrappo a queste parole che per me risultano i complimenti più belli in assoluto!

L’artista nasce un po’ per gioco ed un po’ per passione, ascoltando per ore ed ore musica di ogni genere fin da piccolissima davanti ad uno stereo regalatomi dal mio papà; ricordo che mi perdevo… letteralmente immersa tra le musicassette ed i fogli con i testi delle canzoni incollati alle pareti ed ai vetri delle finestre 🙂 Poi ho iniziato a partecipare a concorsi musicali locali e nazionali.

Sono arrivati così i primi riconoscimenti all’età di 16 anni, ed ho incominciato a perfezionarmi e a cantare nelle feste private. Successivamente ho iniziato a scrivere dei pezzi miei e a portarli in giro.

Non so bene quando e come sono nata come Artista, ma credo che non ci sia stato un momento preciso.

– Raccontaci del tuo nuovo singolo…

MUSICA VERA è un brano pop-dance biografico molto fresco, frizzante e alla portata di tutti. E’ un brano leggero nella forma e nei suoni ma con un testo forte e che fa riflettere giovani e meno giovani. Nasce dall’analisi di storie vere raccontate in confidenza nelle lunghe serate d’estate quando con una mano si tiene il calice di vino e con l’altra lo smartphone.

Così ho deciso di scrivere ciò che mi raccontano le persone immedesimandomi nei protagonisti, cercando di capire qual è la piaga profonda che attanaglia la società di oggi e del perché è così difficile riconoscere e portare avanti delle relazioni seriamente, soprattutto senza interruzioni.

“Musica Vera”, è il mio primo singolo, il primo di una lunga serie!

– “Musica Vera”… Cosa vuol dire oggi per un Artista fare musica? Quali difficoltà deve affrontare? E chi secondo te nel panorama attuale fa “Musica Vera”, genuina… e chi no?!

Il modo di fare musica e comunicazione è certamente cambiato. Oggi fare musica significa descrivere il quotidiano, usare una terminologia semplice e innovativa che possa abbracciare il pubblico a 360 gradi. Significa comunicare senza veli, parlare di sé, del mondo, esporsi e farsi conoscere il più possibile.

Un tempo il musicista si limitava a comporre il brano, rimanendo poi su di un piedistallo. Nel mondo attuale e tecnologico c’è da fare molto altro se si vuol arrivare alla gente, devi aprirti un profilo social, parlare di te, scendere tra la gente, toccarla e soprattutto sponsorizzare il tuo lavoro continuamente.

Un tempo si bussava alla musica, c’era chi chiedeva e cercava dei lavori da ascoltare, oggi è la musica che deve cercare nuove vie di comunicazione per farsi ascoltare…

Non ci sono difficoltà, bisogna solo studiare delle strategie di marketing e capire bene dove si vuole arrivare e a chi vogliamo rivolgere la nostra musica.

Sicuramente pensare oggi di fare un disco fisico e distribuirlo nei negozi o durante i live è un’utopia. Siamo in tanti, non esistono più la regina del soul o il re del rock. Vi è tanta buona musica dai suoni innovativi e bisogna diffondere questa nuova cultura musicale attraverso le nuove tecnologie e lo streaming digitale. Un tempo c’erano le case discografiche disposte a investire, ora prevale l’autoproduzione.

Insostituibile rimane solo l’adrenalina di un concerto dal vivo, perché ti consente di abbracciare il prossimo, sentire il calore del pubblico!

– A tal proposito… Nel tuo video si parla anche di Social Network. Dell’amore vissuto realmente e di quello virtuale, che passa attraverso il filtro delle relazioni Social. Un tema attuale e controverso, cosa puoi dirci a tal proposito?

Esattamente! Nel video si parla di “Musica Vera” intesa in questo caso come complicità, sintonia, empatia tra due giovani che vivono una relazione molto intima, ricca di passione. Una relazione interrotta improvvisamente da uno dei due, probabilmente per la difficoltà che ha la nuova generazione di portare avanti una relazione troppo importante; per vari motivi che possono essere: la poca autostima, la paura di sbagliare, di chiedere, di avere una personalità poco spiccata, una insicurezza di fondo ed una maturità precaria…

E allora cosa si fa? Ci si butta sui social, nelle chat dove diventiamo tutti un po’ leoni da tastiera. Un luogo dove possiamo solleticare la fantasia creando al contempo delle false illusioni scaturite dai bei ricordi che avevamo vissuto nel rapporto reale.

Questa è una macchia della società odierna! Il non saper condividere più le emozioni… Bisognerebbe condividere meno link e più amore! 🙂

La sorpresa finale qual è…? E’ che ci immaginiamo grandi cose… facciamo sesso virtuale… ma il mondo reale è diverso e può spiazzare le nostre aspettative!

– Rimanendo in tema Social. Secondo te oggi, è possibile fare “Musica Vera” anche non esibendosi dal vivo, ma solo attraverso i Network, le piattaforme di streaming ed i media?

Come dicevo, oggi la musica ha cambiato i suoi mezzi di comunicazione, i mezzi con cui arrivare alla gente sono quasi esclusivamente piattaforme digitali e di streaming. I live hanno un costo e non tutti sono disposti ad ospitare gli artisti e ad investire. Comunque c’è tanta bella musica in giro e si può fare ancora tanta bella “Musica Vera”!!!

– Cosa dobbiamo aspettarci da Eleonora Catalani in futuro? Cosa bolle in pentola?

La pentola bolle!!! Sto lavorando dietro le quinte, e spero il prima possibile di fare un live di soli inediti con “Musica Vera”. Nel frattempo sto valutando nuove collaborazioni all’orizzonte ma per ora non posso anticiparvi nulla…

L’album è in lavorazione con tante tracce inedite scritte da me. Mi vedrete affrontare temi diversi che hanno sempre il comune denominatore dell’amore e della speranza.